Home

Il Lavoro e le radici - edizione 2014

Ultime news: a causa del maltempo sono state rinviate al prossimo agosto le seguenti iniziative, previste nel programma de "il lavoro e le radici":

  • Concerto degli artisti bisaccesi

  • Passeggiata alle fattorie didattiche

  • Lotteria (tra breve comunicheremo la nuova data dell'estrazione)

  • Torneo di tennis

Resta confermato "incontro tra culture" al Centro Anziani del Centro Storico di Bisaccia alle 17.00: NON MANCATE!

é uscito il numero 2 di Pegaso, clicca qui per andare alla pagina dedicata

Escursione CAI 25 maggio 2014

Al   C.A.I.                                             26/05/2014

Club Alpino Italiano—Sezione di Avellino (via Torrette,4; 83031 Mercogliano-Av-)--- www.caiavellino.it

Ieri 25 Maggio, come  da programma, ed in collaborazione con Sinergie (associazione di promozione sociale) di Bisaccia  si è svolta la “passeggiata” al Bosco di Cuccari  nel comune di Bisaccia( Av) –Irpinia-Est-

Questa escursione è stata ampiamente divulgata sia sul sito del CAI che sul  quello di Sinergie nonché sul territorio comunale con delle locandine.

Alle ore 8,30 il gruppo di amici del CAI, puntuale, si è unito al folto gruppo bisaccese di iscritti all’associazione e non, tutti  tenaci amanti e sostenitori del trekking, in località “la Cavallerizza” ed si è dato inizio ad una bella “avventura”. 

Un “gruppone” di 47 persone fra cui cinque bambini, ha aggredito la salita al monte Calvario per scollinare e, percorrendo un segmento di tratturo, si è portata  alla mulattiera che si addentra nel fitto e rigoglioso bosco di “Cuccari” dove la vegetazione, specie in questa stagione, è ricca di piante in fiore che effondono nell’aria un intenso profumo. Il terreno a tratti umido mostra nitide impronte di animali  selvatici come cinghiali, tassi  ecc. 

E’ lungo questo tratto che incontriamo “l’Accovita” un antica costruzione in pietre di fiume, nascosta da rovi e liane nel folto bosco che appare alla vista come un tempio laotiano o maya nella jungla. Questa costruzione fu costruita per imbrigliare le acque di alcuni ruscelletti e convogliarle verso un sottostante mulino, ormai ridotto a pochi esigui ruderi. Miseri testimoni dell’attività dell’uomo, severi e loquaci resti di “sudore e fatiche”. Finisce in un’ampia radura, con l’erba alta che sembra essere in una savana, l’agevole sentiero del bosco ed ecco raggiunto ciò che rimane di una chiesetta di campagna: Il tetto inesistente,  parte delle mura perimetrali,  fra l’erba il portone con tanto di serratura, un candelabro in ferro. E’ la chiesetta della “Madonna delle Nevi” meglio nota come la “Madonna di Cuccari” molto antica ed aperta al culto fino a poche decine d’anni addietro ma, poi abbandonata all’incuria del tempo e all’oblio. Ma, in fondo alla chiesetta  troneggia, nella sua nicchia, la statua della Madonna e su ciò che rimane della parete sinistra anche qualche fregio.

Qui, tutti del gruppo, hanno mostrato,  un vivo trasporto, misto ad altrettanta curiosità e forse, in qualcuno, quella vista ha suscitato anche un senso di misticismo.

Ripreso il cammino, in perfetta fila indiana, costeggiando da un lato il bosco e dall’altro campi di grano  abbiamo raggiunto dopo un breve tratto su un “carraro” asfaltato, di nuovo il tratturo delle transumanze e quindi il tratto più faticoso per travalicare monte Calvario e, alle 13,40, abbiamo raggiunto di nuovo il punto di partenza.

Il tempo meteorologico è divenuto sempre più minaccioso tanto che ha cominciato a piovere abbondantemente ma, per fortuna, avevamo raggiunto già la sala del Circolo per anziani dove ci aspettava un meritato riposo e un incontro, altrettanto piacevole: un convivio con prodotti tipici del posto come caciocavallo, soppressata, capicollo, ricotta fresca e stagionata, eccellente pane e focaccia innaffiato con dell’ottimo vino….e per chi voleva c’era anche acqua, aranciata e coca-cola- nonché dolci come crostate con ricotta e con marmellata.

Un doveroso grazie, alla signorina Antonietta, attenta, precisa nel preparare l’accoglienza  e all’instancabile animatore Michele, acceso tifoso del Napoli.

Un grazie ad Ivan, Fabio, Vito ed altri  per l’ infaticabile e piena collaborazione senza la quale la buona riuscita della passeggiata non si sarebbe potuta attuare.

Un grazie a Donato Cela, presidente dell’associazione Sinergie, che costretto ad andare via anzi tempo  per impegni familiari ha lasciato ai suoi collaboratori  precisi suggerimenti per lo svolgimento dell’incontro nonché per l’ottimo vino offerto a tutta la “compagnia”.

Un grazie agli amici tutti di Bisaccia per la loro simpatia e vivo senso dell’ospitalità.

Un grazie va anche alla presidentessa del CAI- Avellino, Francesca Bellucci, che, sebbene impegnata per lavoro, è stata premurosa  nel telefonare per augurare una buona riuscita all’ escursion e  per salutare Il Presidente di Sinergie e tutti i partecipanti.

Un unico rammarico: il precipitare della situazione metereologica non ha consentito la visita al castello ed al relativo Museo civico archeologico.                                                       

 

Carmine Di Palma

Escursione del primo maggio - Lago delle Canne

clicca qui per scaricare  la guida in pdf dell'escursione

vai alla sezione foto per vedere gallery sul percorso

Serata contro le barriere archtettoniche

Si fa festa all'Oasi WWF di Conza